Biografia

‚Äč

Presenza di spicco nell’arte torinese del secondo mezzo secolo. Attivo sin dal 1964, frequenta  e segue  i Maestri che rappresentano l’arte contemporanea del dopo Casorati da Scroppo, Menzio, Paulucci, Calandri, Galvano, Pozzo e Quaglino  a Soffiantino, Fico, Ramella, Carena,  Franco e Campagnoli. Con alcuni di loro partecipa  a dibattiti culturali, mostre collettive e premi, mantenendo nel tempo stretti rapporti amichevoli.

 

Oltre all’attività collettiva propone la sua pittura in diverse città italiane (Asti,Torino, Milano, La Spezia, Roma, Napoli e Palermo) e all’inizio del 1969 organizza, grazie all’interessamento del Maestro ed amico  Orfeo Tamburi  la sua prima personale a Parigi e successivamente presso gli Istituti Italiani di Cultura di Madrid, Siviglia e Colonia.

La conoscenza dei mercanti Giorgi e  Russo  sposta il baricentro della sua attività sulle piazze di Firenze e di  Roma dove  è presente con mostre personali (1973, 1974). Tramite  Il Sindaco Bausi di Firenze conosce  lo scultore Henry Moore e viene presentato in occasione della Mostra a Forte Belvedere a Marino Marini ed  Aligi Sassu.

Gli anni ottanta sono caratterizzati dalle esposizioni all’estero di Budapest (1981) e Vienna (1982) mentre in Italia propone  due grandi mostre antologiche a Torino (1985) e a Vicenza (1992) dove compaiono nella sua ricerca  i primi indirizzi surreali.

 

A Roma collabora  in attività culturali con i compagni di “scuderia Russo”  Tozzi, Turcato, Picinni, Guzzi, Avenali, Omiccioli, Fantuzzi, Norberto e con i critici e scrittori  Miele, Chiara, Buzzati.

 

La presenza continua nel mercato artistico contemporaneo e un lavoro serio, programmato con importanti  personali e rassegne nelle principali città italiane, hanno fatto lievitare, negli ultimi  dieci anni, le pubblicazioni di carattere bio-bibliografico sul  pittore, giustificando un interessamento del collezionismo e promuovendo l’attività pubblica dell’artista anche nelle Gallerie, Musei ed Enti Pubblici. 

 

Sue opere figurano in Musei e collezioni pubbliche e private.  

© Livio Politano - Tutti i diritti riservati.